25.11.2020

Donna incinta resta paralizzata dopo un orgasmo

Purtroppo, a fronte di milioni di donne che traggono beneficio da un rapporto sessuale, ne esiste sempre una per la quale l’orgasmo può rivelarsi fatale e condurre in direzione di complicazioni impreviste di una gravità inaudita e impossibile da preventivare alla vigilia.

Nella stragrande maggioranza dei casi, una sana attività sessuale risulta pienamente consentita e addirittura consigliata alle donne in stato interessante, dato che all’orgasmo femminile si accompagna alla produzione di ossitocina, ormone che non solo migliora l’umore e lo stato di salute della gestante, ma che può agevolare la comparsa delle contrazioni uterine quando la fatidica ora si avvicina e scongiurare così l’intervento meccanico dei medici (legato alla scollamento delle membrane) o la somministrazione clinica della stessa ossitocina.

Il caso in questione, molto più reale che teorico, si è concretizzato in Inghilterra e ha colpito la gestante 43enne Lucinda Allen, rimasta paralizzata agli arti inferiori dopo aver avuto un rapporto sessuale “di routine” avuto con suo marito.

L’episodio risale a cinque anni fa ed è stato originato a partire da un’insopportabile emicrania avvertita subito dopo l’orgasmo che ha costretto la donna al ricovero e alla successiva scoperta di un ictus provocato a partire dall’anomalia congenita di un vaso sanguigno, occlusosi proprio durante il rapporto sessuale.

Salvata da una craniotomia effettuata in condizioni di assoluta urgenza e riuscita comunque a dare alla luce la sua bambina, tre mesi dopo il tragico incidente, la donna è oggi divenuta l’insolito testimonial di una campagna sui rischi dell’orgasmo e sulla necessità di approfondire la questione, piuttosto comune, legata alle emicranie che possono insorgere subito dopo il completamente di quell’atto che, nella stragrande maggioranza dei casi resta fortunatamente vivamente raccomandato per via delle sue indubitabili virtù sull’umore e sulla salute del genere umano intero, gestanti logicamente incluse.

Spread the love

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *